Ferrari, due anni avanti: c’è un motore incredibile e sta già girando

Clima di fiducia a Maranello, il progetto sembra stia procedendo a gonfie vele grazie all’attento lavoro di tutto il team.

A Maranello si lavora incessantemente per la preparazione della prossima stagione di Formula 1. Il 2024 sarà un anno importante per la scuderia rossa, che dovrà dimostrare di poter competere con Red Bull e di poter stare stabilmente ai vertici della classifica.

Ferrari, due anni avanti: c'è un motore incredibile e sta già girando
Ferrari (ANSA) – Tuning.it

C’è un atro progetto su cui i team si stanno concentrando sebbene manchino ancora due anni. Il 2026 sarà un anno crocevia per l’intero circus, a causa del regolamento che cambierà. In particolare, nel 2026 le monoposto di Formula 1 avranno una diversa ripartizione della potenza.

La power unit vedrà la parte ibrida salire al 50% con una riduzione della parte termica. Ci sarà, inoltre, la scomparsa della MGU-H e l’introduzione della MGU-K nel telaio per motivi di sicurezza. Vedremo un motore sei cilindri molto più grezzo, a causa delle limitazioni nella scelta dei materiai e delle soluzioni, ma quello che potrebbe sembrare un passo indietro in realtà ci consentirà di vedere una nuova vettura soprattutto nella parte ibrida.

Ferrari lavora al 2026, il primo “canto” del motore

Ecco allora che Ferrari si è messa all’opera per progettare e costruire il motore nuovo, in vista del 2026. In questi giorni di pausa imposti dalla FIA, a Maranello hanno festeggiato un doppio Natale, con il primo canto del nuovo motore del 2026.

Ferrari 2026
A Maranello si lavora in vista del 2026 (ansafoto.it) tuning.it

La prima accensione, trapelata in questi giorni, ha portato un clima di fiducia in tutta la scuderia grazie ai primi test che sarebbero stati molto positivi. L’accensione, però, dimostra che la fase di sperimentazione, condotta da Enrico Gualtieri, è in fase di completamento e il team è pronto a passare alla fase successiva, affidata a Wolf Zimmermann.

Tanto lavoro soprattutto nella parte dedicata alla combustione, perchè per la prima volta la Formula 1 utilizzerà carburanti a impatto zero, per i quali Ferrari sta sfruttando la partnership con AvL, centro di ricerche di Graz.

Occhio, dunque, ai prossimi mesi, perchè Ferrari sembra essersi portata molto avanti per affrontare il 2026 ed il cambio di regolamento, senza farsi cogliere di sorpresa. Intanto il 2024 sta per iniziare, e a Maranello anca poco alla presentazione della prossima monoposto.

Impostazioni privacy