Ferrari, l’annuncio spaventa i tifosi: “Sotto choc”

In casa Ferrari sono tutti attoniti per delle dichiarazioni rilasciate da Carlos Sainz. Lo spagnolo è tornato su un evento chiave della sua stagione.

La Ferrari è arrivata al secondo posto della graduatoria costruttori nel 2023 anche per un assurdo episodio che ha riguardato Carlos Sainz. Lo spagnolo, in grande crescita nella seconda parte di campionato, sembrava proiettato ad ottenere un risultato di spessore in classifica. Alla fine ha chiuso solo al settimo posto, preceduto anche da Lando Norris.

Ferrari, l'annuncio spaventa i tifosi: "Sotto choc"
Ferrari, F1 (ANSA) – Tuning.it

La debacle finale del madrileno è stata dettata da una serie di risultati negativi. Dopo il terzo posto di Austin, conquistato grazie alle squalifiche di Lewis Hamilton e del compagno di squadra, Charles Leclerc, l’ex driver della McLaren ha collezionato un quarto posto in Messico, due meste seste posizioni in Brasile e negli Stati Uniti, sull’inedito circuito cittadino di Las Vegas, e una clamorosa diciottesima piazza nel round più importante di Abu Dhabi.

Una vera disfatta che ha determinato la matematica seconda posizione della Mercedes di sole 3 lunghezze. La casa modenese ha dovuto ingoiare un boccone amarissimo, non riuscendo a cogliere altri risultati di spessore dopo l’exploit di Singapore. C’era la consapevolezza di poter fare meglio, ma tantissimi punti sono stati gettati all’ortiche per problemi tecnici e strategie sbagliate. Finché la responsabilità è imputabile agli errori di squadra è un discorso, ma se si è penalizzati per le mancanze degli organizzatori o della FIA il discorso cambia.

La critica di Sainz

Il #55 si è scagliato contro le decisioni prese dalla Federazione in ordine al pasticcio avvenuto a Las Vegas. In sostanza nelle prime prove libere Sainz si è ritrovato con una SF-23 sfasciata a causa di un tombino che non era fissato bene. Con un tragitto da effettuare a massima velocità in notturna la tragedia è dietro l’angolo. La responsabilità del figlio d’arte del Matador nell’ottenimento di una penalità a causa della sostituzione dei componenti, dopo danni da oltre 1 milione di euro, è prossima allo zero.

Ferrari, l'annuncio spaventa i tifosi
L’ammissione di Carlos Sainz (Ansa) tuning.it

Per questo motivo la Scuderia si era molto lamentata del fatto che il numero 55 sarebbe stato costretto a partire dalle retrovie. In gara fu caparbio rimontando sino alla sesta posizione, ma avrebbe potuto ottenere un podio, partendo dalla prima fila. Una occasione persa che è stata molto contestata da Sainz in una recente intervista rilasciata in occasione di un evento al Banco Santander.

Ha preso in pieno la parte anteriore del telaio centrando anche la zona del sedile – ha affermato Carlos Sainz – Sono rimasto sotto choc, il colpo è stato come un’esplosione. E se si vedono le immagini dall’esterno sembra in effetti che la vettura scoppi. Grazie a Dio però non è accaduto nulla. Senza dubbio è stata la cosa più strana che mi sia successa in carriera”. Per fortuna non riportò conseguenze fisiche ma sarebbe potuta finire in dramma. Oltre al danno è arrivata la beffa perché la Mercedes si oppose a qualsiasi deroga in favore dei rivali.

La Scuderia avrebbe dovuto ricevere l’ok di tutti i team, ma in modo poco sportivo, l’armata teutonica guidata da Toto Wolff preferì far partire l’avversario dalle retrovie. Alla fine il karma, un domani, ripagherà il pilota della Scuderia Ferrari. Ecco una novità importante in chiave 2024. 

Impostazioni privacy