Maserati tira una mazzata all’elettrico: arriva la notizia che nessuno si aspettava

La casa del Tridente ha proposto vetture sportive di altissimo profilo. Dopo il lancio dei SUV di lusso è arrivata una news inattesa sulla tecnologia alla spina.

Vi sono marchi che hanno incarnato la sportività più autentica. Un tempo Ferrari, Alfa Romeo e Maserati si contendevano lo scettro alle nostre latitudini. Con il passare dei decenni il marchio emiliano si è contraddistinto per vetture di lusso e modelli sempre più improntati al comfort. L’ultimo vero progetto racing risale al 2020 con il lancio della MC20.

Maserati tira una mazzata all'elettrico
Nuova Maserati elettrica – tuning.it

Il cuore dei puristi è tornato a battere. La biposto è un prodotto nato dal lavoro congiunto con Maranello. Finalmente gli appassionati hanno potuto ammirare una vettura estrema con una nuova concezione anche di motore. Il problema è sempre quello legato alla dead line del 2035 per la diffusione obbligata delle vetture elettriche. Si tratta, infatti, di una imposizione a tutte le case costruttrici che dovranno impegnarsi nella produzione di auto alla spina.

Da quando FCA (Fiat Chrysler Automobiles) e PSA (Peugeot Société Anonyme) si sono fuse, creando il potente Gruppo Stellantis, vi è stata in automatico una omologazione. Sono state presentate tantissime auto costruite sulla stessa piattaforma. La FIAT ha sfruttato il know-how dei cugini francesi per lanciarsi con convinzione nel settore delle ibride e delle elettriche, pur tenendo fede al DNA storico dei brand. La stessa cosa è avvenuta per Maserati e per la casa del Biscione.

Si è cavalcato il trend delle vetture a ruote alte con le proposte Stelvio e Tonale. La Maserati ha calato i suoi due assi con la Levante e la Grecale. Il segmento dei SUV di lusso è, letteralmente, esploso. I successi fatti registrare dalla Coupé, dalla Spyder, dall’iconica Quattroporte e dalla Ghibli sono stati quasi offuscati dai numeri dei SUV della casa del Tridente. Addio alla diffusione di vetture compatte e sportive che avevano fatto innamorare generazioni di automobilisti, oggi i clienti preferiscono i SUV.

Maserati, arriva una notizia scioccante

I vertici della casa emiliana avevano annunciato la promozione di più varianti elettriche degli attuali modelli. L’assortimento di alternative alla spina avrebbe subito un clamoroso rallentamento. Infatti, un nuovo rapporto afferma che la Quattroporte elettrica è stata congelata fino a nuovo avviso. La notizia è stata ripresa da numerosi magazine, tra cui Carscoops.

Maserati, arriva una notizia scioccante
Novità in casa Maserati – tuning.it

I fornitori sono stati informati a fine novembre che il progetto M9S è stato sospeso. La prossima generazione della Maserati Quattroporte sarà disponibile in salsa elettrica solo quando ripartirà la produzione. Se tutto dovesse andare secondo i piani le prime consegne avverranno nel 2035, non prima. Tuttavia, secondo quanto riportato sul magazine inglese, la casa automobilistica emiliana ha provato a rassicurare i fornitori dicendo che le future Maserati saranno “sviluppate, progettate e prodotte al 100% in Italia e adotteranno motori elettrici“.

La versione alla spina della Quattroporte sarebbe stata congelata perché “sono in corso delle discussioni sul riposizionamento dei marchi di fascia alta del gruppo, con l’obiettivo di evitare sovrapposizioni tra Alfa Romeo e Maserati“. Come affermato pocanzi uno dei limiti dell’industria dell’Automotive 2.0 sta proprio nella vicinanza stilistica e meccanica dei progetti. Oramai cambiano solo gli stemmi sulle vetture, ma la base è quasi sempre la stessa e, in questo caso, occorrerà fare una chiara separazione tra le versioni elettriche della Quattroporte e della Giulia, sul mercato tra 2 anni.

Impostazioni privacy