La Porsche dei sogni diventa elettrica: appassionati in delirio, ne parlano tutti

Cosa hanno fatto a questo magnifico esemplare di Porsche? Benvenuti nel mondo dei restomod elettrici. Questo modello non avrà più la stessa anima.

Sostituire un magnifico sound con un sibilo elettrico non è operazione scontata quando si parla di supercar. Certe auto hanno acquisito un grosso fascino proprio grazie alla potenza dei loro motori a combustione. L’idea che il mondo possa sposare, tra qualche anno, la tecnologia alla spina ci appare sempre più folle. Ci saranno sempre più disuguaglianze e realtà che viaggeranno a due velocità.

La Porsche dei sogni diventa elettrica
La trasformazione dell’iconica Porsche in elettrica – tuning.it

Purtroppo, al momento, l’Italia rischia di finire nel vortice negativo dei Paesi sottosviluppati, in termini infrastrutturali, che potranno concedersi il lusso di passare all’elettrico in futuro. E’ già palese il gap che si è venuto a creare con realtà ricche come i Paesi del Nord Europa. Si rischia l’effetto Havana, dalle nostre latitudini, con un parco auto vetusto, intervallato, da qualche modello alla spina all’avanguardia. All’estero non solo stanno affrontando la transizione con l’acquisto delle moderne EV, ma anche con una nuova visione delle auto del passato.

In sostanza, diversi facoltosi collezionisti che in garage avevano prestigiose Ferrari o Porsche stanno decidendo di trasformale in elettriche. Un vero e proprio sacrilegio per i petrolhead, ma anche per tutti i cultori della sportività autentica. Va bene lo scatto fulmineo da 0 a 100 km/h delle vetture con batterie, ma il piacere di guida non è, minimamente, paragonabile alle sorelle a benzina. Il peso delle batterie agli ioni di litio sta uccidendo le supercar.

Nei tratti misti una Porsche elettrica non potrà mai avere lo stesso impatto di un vecchio modello a combustione. Nonostante i tecnici si siano impegnati nella distribuzione perfetta dei pesi con soluzioni innovative, i cultori della vecchia guardia continueranno a preferire sempre le automobili sportive termiche. C’è anche una visione diversa rispetto alle nuove gen su cosa debba avere una automobile sotto il cofano per essere considerata un cavallo di razza.

La trasformazione dell’iconica Porsche in elettrica

La casa di Stoccarda, infatti, ha creato una gamma piuttosto variegata. Mettiamo da parte la Taycan e concentriamoci su un modello che in passato ha fatto faville. La 964 RSR 3.8, presentata nel 1993, è una delle varianti più potenti della 964 con soli 51 esemplari realizzati. Potrete ammirarla nel video amatoriale sul canale YouTube MrPariggi. Vantava una carrozzeria leggerissima e una trazione posteriore da sogno.

Dal know-how acquisito in pista, i tecnici del brand del Cavallino avevano elaborato un modello stradale estremo. Difatti erano presenti, oltre ad una protezione posteriore, degli elementi racing nell’abitacolo. La nuova Everrati 964 RSR elettrica vanta cerchi leggeri HRE da 18” e una carrozzeria in fibra di carbonio con un nuovo pacchetto aerodinamico, che include anche un ampio spoiler e sospensioni TracTive. I sedili, rivestiti in pelle, sono a basso impatto ambientale made by Bridge of Weir Leather.

Sotto il cofano c’è una batteria da 63 kWh abbinata a un sistema di gestione avanzata. Presenta un’autonomia di oltre 322 km e un’accelerazione da 0 a 96 km/h di soli 3,7 secondi. L’auto ha tanti elementi moderni, ma l’anima elettrica non sarà mai paragonabile a quella di un brutale fuoco di un vecchio motore termico.

Impostazioni privacy